Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Anno Settimo - N. 1 (2014)

Editoriale

Cogliere l'interesse di un pubblico sempre più diversificato significa regalare soluzioni dove i materiali, i nostri primi protagonisti, possano essere utilizzati liberamente, coerenti alla filosofia che da sempre Materiali Progettati vuole proporre.
Se da un lato la persistente crisi ci induce a mettere da parte la ristrutturazione ritenuta “non indispensabile”, la bellezza delle nuove ceramiche che l'industria incessantemente continua a proporci, ci spinge a chiudere un occhio e ad entusiasmarci ancora una volta.
Rinnovare! È questa la parola magica che ci convince ad affrontare noiosi capitolati, leggi, impianti elettrici, domotica, ecc. e induce a distinguere gli elementi essenziali dai superflui. Come un ciclico succedersi di stagioni così un nostro bisogno interiore affronta ancora una volta l'esperienza che mette in gioco il nostro rifugio domestico in cui, come in una conchiglia, ci sentiamo protetti dal mondo esterno. È spesso dal bagno che si comincia, vuoi per vetustà degli impianti, vuoi per ridare spazio ad un ambiente che troppo a lungo è rimasto confinato in metrature minime, o semplicemente perché le ceramiche viste chissà dove sono troppo belle per rimanere fuori dalla nostra casa.
Recentemente ho avuto l'opportunità di viaggiare e visitare alcuni alberghi: I bagni sono ciò che mi ha maggiormente colpito. Ma quali sono le novità, quelle che ci inducono a desiderare nuovi spazi per la zona dedicata al benessere personale? Nei ricordi di qualche anno addietro erano onnipresenti accessori come i doppi rubinetti per acqua calda e fredda, i piccoli specchi appesi e la cassetta per lo scarico dell'acqua. Ebbene ormai fanno parte delle vecchie generazioni. Miscelatori, specchi che coprono l'intera parete, cassette incassate sono beni acquisiti che fanno parte del nostro quotidiano. Anche la doccia posta nell'angolino quasi nascosta fa parte nel nostro passato! In particolare ho constatato come nell'attuale siano proprio le moderne docce il vero cult dei nostri bagni, un elemento apparentemente semplice e alla portata di tutti. Sono proposte in soluzioni innovative, funzionali da un punto di vista tecnologico e accattivanti dal punto di vista estetico, in grado di soddisfare le più disparate esigenze. La doccia è diventata più grande e posta al centro della vista, protetta da un cristallo minimalista, rigorosamente neutro e con trattamento anticalcare.
Il “bagno” la segue a ruota allargandosi ed evolvendo in ambiente wellness diventando il centro del proprio benessere. Non più la necessità di frequentare Spa organizzate, ma una doccia con cromoterapia e soffioni in grado di erogare in molteplici modi differenti il flusso dell'acqua. I piatti doccia assumono dimensioni maxi entrando in competizione con vasche idromassaggio. Altro elemento che di prepotenza entra nelle nostre case sono le nuove ceramiche che minano la sopravvivenza delle loro cugine di qualche anno fa. Queste ultime se pur continuando a svolgere funzionalmente il loro compito, poco possono contro le nuove texture più disparate, effetto legno, sabbia, tessuto ecc.; i colori metallizzati, ferro antico, ecc. fino ad arrivare ai grandi formati, impossibili da proporre in passato fa senza ricorrere alla storica pietra naturale.
A pag. 4 Grespania, nuova azienda in TreP Ceramiche, ci regala soluzioni sempre nuove che possono essere personalizzate dal gusto di colui che le reinterpreta nello spazio da progettare.
Milo Manara entra anche lui prepotentemente nei nostri bagni grazie ad un accordo siglato con Del Conca, servizio a pag. 10.

In questo numero:

Primo piano: nuove aziende in Tre P Ceramiche. Speciale rivestimenti: Milo Manara. le stanze del desiderio. Architetti: Loft Canova Studio, Anna Allegretti Valeria Bortolan e Emanuela Procacci. Mostre: Maxxi. Oggetti d'arte: Move. Arte: Roberto Giglio. Design: Mara Celani. Focus Immobili: Parco Residenziale, Poggetto, Residenze Valle Copella, Cantiere Fiorentino, Cantiere Gubbiotti, Edil Massimina, Fintiba, Edil car, Rondinara. Ristrutturazioni di Fascino: Romantica Rooms. Il Foro: Contratti di locazione immobiliare.

Scarica questo numero della rivista in formato PDF